La guerra dei bottoni

Luigi Pergaud, La guerra dei bottoni, Formiggini, 1929
Di Mary Blindflowers©   La guerra dei bottoni dello scrittore e poeta francese Louis Pergaud (Belmont, 22 gennaio 1882 – Marchéville-en-Woëvre, 8 aprile 1915), vide la luce nel 1912. Si tratta di un romanzo parzialmente autobiografico, ambientato in Francia. L’edizione Formiggini tradotta da Ferrarin coi disegni di Gustavino, data 1929, copertina in pergamenino, si prende […]View post →

Andiamo a riempire il vuoto di senso

Di Claudio Piras Moreno© Riportiamo la recensione a La Stella Nera di Mu, pubblicata dal sito Emigrati sardi: http://www.emigratisardi.com/news/articoli/articolo///la-stella-nera-di-mu.html Prima di entrare nel merito del libro appena letto vorrei fare una piccola premessa. Quella che seguirà non vuole essere una recensione. Per me le recensioni non esistono più. Oggi ci sono troppi rapporti di interesse […]View post →

La casa del gufo

La casa del guto
Di Mary Blindflowers© Fausto Marchi esordisce per i tipi dell’Arduino Sacco Editore con un romanzo “dark”, specificando “romanzo gotico” sulla copertina. “Il tempo, come un caleidoscopio, genera immagini effimere, grafici irreali, geroglifici contorti ed ermetici che la nostra mente fatica a decriptare e a collocare correttamente in un preciso paradigma, in una logica sequenza cadenzata […]View post →

“Il mio dio non è morto”©

Di Roby Guerra©   Marcello Darbo, “Il mio Dio non è morto. Frammenti da una Bibbia apocrifa” (Asino Rosso-Street Lib, 2017) Esordio fantascientifico per Marcello Darbo, più noto nel panorama culturale anche italiano come pittore e sociologo (diversi saggi sul ciberbullismo).  Così l’autore spiega brevemente il suo romanzo, particolare, tra fantascienza, fantastoria, fantamito in questa […]View post →

Vecchi santi da Coelho a Calasso, l’inutile ciarpame del déjà-vu è duro a morire©

Di Mary Blindflowers©   Perché la saggistica demonologica e varia attuale è spesso banale? Pubblicazioni inutili che non offrono nessuno spunto a nuove ricerche, pubblicazioni che potrebbero tranquillamente anche non essere state scritte, inondano il mercato editoriale, cercando di acchiappare una schiera di lettori ignari. Esatto, ignari è la parola giusta e forse anche un […]View post →