Purgatorio sarebbe un poeta?

Purgatorio sarebbe un poeta?
Di Lucio Pistis & Sandro Asebès©   Amore e altri bagordi, Gianluca Purgatorio, “instanpoet”, (che forse avrebbe dovuto chiamarsi “Paradiso” o “Miracolato”), Garzanti Editore, addirittura. Ecco il “poeta”: E tu rendimi giovane, prendimi dall’angolo e portami al centro della scena e rendi il mio sguardo più chiaro come il tuo e aggrappati ai miei capelli […]View post →

La poesia senza energia di Carlangelo Mauro

La poesia senza energia di Carlangelo Mauro
Di Mary Blindflowers©     Antidoto di Carlangelo Mauro, Campanotto Editore, nota di Umberto Piersanti, anno 2000. Leggendo la prefazione che parla di “un afflato lirico gentile e tenace”, di uno sguardo stupito e accogliente “sul paesaggio devastato dei nostri anni”, ci si fa l’idea di una poesia efficace. Addirittura il prefattore parla di versi […]View post →

Poeti, dove dovete andare…

Poeti, dove dovete andare...
Di Mary Blindflowers©   Ci sono oggi diversi tipi di poeti: i nostalgici stile Ottocento pieno che vorrebbero far rivivere ardori romantico-floreali con punte medioevali chiamando il cuore cor che si spaura, sollecitandone i tumulti con qualche svenimento stile romanzi alla Carolina Invernizio; gli pseudo-maledetti, che invece al contrario, pensano di proiettarsi nel futuro infarcendo […]View post →

Non si dà poesia senza mito e senza favola

Non si dà poesia senza mito e senza favola
Di Pierfranco Bruni©     Quasimodo esprime tutto ciò che rimanda a una mediterraneità e che ha richiami pirandelliani nel “Mal Giocondo”. Pavese si inserisce in questa dimensione recuperando il D’Annunzio de “La pioggia nel Pineto” dopo aver attraversato in modo profondo la poesia ungarettiana e il confronto con la poesia-immagine metaforica di Palazzeschi. Se […]View post →