Il Sutra del Diamante

Il Sutra del Diamante

Il Sutra del Diamante

Il Sutra del Diamante

Sutra del Diamante, frontespizio, credit Mary Blindflowers©

 

Mary Blindflowers©

.

Il Sutra del Diamante, il libro più antico al mondo

.

“Tra il 1041 e il 1048, quattrocento anni prima che Gutenberg stampasse la sua Bibbia, Bi Sheng (990-1051) inventò I caratteri mobili. A darcene notizia in maniera circostanziata e chiara è il celebre scrittore e scienziato Shen Kuo (1031-1095) nei suoi Dialoghi del ruscello dei sogni (Mengqi bitan), che sono del 1086”.
Ecco cosa diceva Shen Kuo:

Durante l’era Qingli (1041-1048) Bi Sheng, un uomo comune, fece i tipi mobili. Il suo metodo fu il seguente: prese della creta vischiosa e tagliò in essa caratteri sottili come l’orlo di una moneta. Ogni carattere formava un singolo tipo. Egli li cosse a fuoco per renderli duri. Aveva precedentemente preparato una lastra di ferro e l’aveva ricoperta di un miscuglio di resina di pino, cera e cenere di carta. Quando desiderava stampare, prendeva un telaio di ferro e lo disponeva sulla lastra di ferro. Vi metteva i tipi, l’uno accanto all’altro. Quando il telaio era pieno, l’insieme costituiva un solido blocco tipografico. Lo poneva quindi accanto al fuoco per riscaldarlo e quando l’impasto s’era leggermente sciolto, prendeva un’asse liscia e la pressava sulla superficie in modo tale che il blocco tipografico diventasse piatto come una pietra da affilare (Scienze and Civilization in China, vol. V.1, p. 201 in A. Fiore, Scienza e tecnica in Cina a Venezia, Electa. 1986, p. 41).

La prima invenzione dei caratteri mobili quindi è cinese. Molti tuttavia sostengono che in Europa la stampa fu inventata inmaniera indipendente, in ogni caso cronologicamente i cinesi fecero prima, inoltre, come sostiene A. Fiore, ci sono indizi che fanno pensare ad un’origine cinese anche della stampa europea, tant’è che cita a sostegno di questo Paolo Giovio (1483-1552):

Raccontano i mercatanti Portughesi cose notabili del Cataio. Et prima dicono, che la città di Canta (Canton) à uso di Vinegia, è in quel modo edificata col mare …; quel che mi pare cosa di gradissima marauiglia, quiui essere artefici stampatori… Et già Papa Leone amoreuolmente mi mostrò un uolume di questa sorte (cioè stampato in Cina)… talche di qui facilmente io credo, che gli esempi di quella arte, prima che i Portughesi passassero nell’India, siano arrivati a noi per mezzo de’ Tartari, e Moscouiti à incomparabile sostegno delle lettere (Historiarum sui temporis, Venezia, 1564, Tomo I, P. 381 in A. Fiore, Scienza e tecnica in Cina a Venezia, Electa, 1986, p. 41).

La stampa è stata inventata dai cinesi, non da Gutenberg come ci insegnano a scuola. Ancora c’è chi sostiene che il primo libro stampato sia la famosa Bibbia, conservata in una blindatissima cassaforte del  museo Gutenberg di Magonza, in Germania, ma non è così. Il primo libro completo a stampa è il Sutra del Diamante, tradotto all’inizio del V secolo e stampato l’11 maggio 868 secondo il calendario occidentale. È esposto al British Museum di Londra ed è completo di un frontespizio splendidamente illustrato.

Da dove proviene?

Fu trovato in un sito sacro chiamato le grotte di Mogao, le “grotte di mille Buddha”, importante centro buddista dal IV al XIV secolo. Si tratta di un lunga parete rocciosa, scolpita con 492 grotte, situata vicino a Dunhuang, città-oasi al bivio delle strade della seta del nord e del sud, nell’attuale provincia del Gansu (Cina nord-occidentale). Nel 1900, un monaco di nome Wang Yuanlu scoprì l’ingresso sigillato di una grotta nascosta, dove decine di migliaia di manoscritti, dipinti e altri manufatti erano stati depositati e sigillati intorno all’inizio dell’XI secolo. Il Diamond Sūtra era uno di questi oggetti e fu portato in Inghilterra dall’esploratore Sir Aurel Stein nel 1907.

https://antichecuriosita.co.uk/il-destrutturalismo-punti-salienti/

https://www.youtube.com/watch?v=FLinK74U-fs

 

 

Post a comment