Un grumo infetto l’animo dell’uomo

Un grumo infetto, l'animo dell'uomo

Un grumo infetto l’animo dell’uomo

Di François Nédel Atèrre©

Tele, credit Mary Blindflowers©

 

Antigone è tornata a seppellire
gli altri fratelli che non conosceva.
Ha gli occhi rossi, l’andatura incerta.
Corrono le automobili per strada,
pubblicità sono affisse sui muri.
Brillano, le vetrine tra i palazzi.
Le braccia magre hanno segni profondi,
le scarpe sono rotte, impolverate.
Le bende coprono appena le spalle.
Escono allegri, i ragazzi da scuola.
Le donne sono ai banchi del mercato,
i fattorini bevono un bicchiere
tra una consegna e l’altra, senza fretta.
Lei prende un’altra strada, passa avanti,
è capitata nel posto sbagliato:
cercava i corpi freddi, nella sabbia,
di altre carneficine, il nuovo male.
Antigone è tornata a seppellire
gli altri fratelli che non conosceva.
È un grumo infetto, l’animo dell’uomo.

 

 

Antigone has come back to bury
the brothers she never met.
She has blodshoot eyes, an unsteady walk.
Cars are running down the street,
giant billboards are erected on the walls.
Windows are shining amongst the buildings.
Her lean arms have deep cuts,
her shoes are broken, covered in dust.
Veils hardly conceal her shoulders.

Children are joyously coming out the school.
Women are at the market stalls,

messengers are having a drink between deliveries,

without any sense of urgency.
She goes a different way, she goes past,
ending in the wrong place:
She was looking for corpses

from other massacres in the sand,

for a new evil in a new world.
Antigone has come back to bury
the brothers she never knew.
It is an infected wound, the man’s soul.

 

https://antichecuriosita.co.uk/manifesto-destrutturalista-contro-comune-buonsenso/

 

 

Post a comment